martedì 30 aprile 2013

La poesia incontra gli studenti di Stefania Battistella


Sarà perché ho un’età vicina a chi ora frequenta un liceo, sarà perché questi studenti sono stati particolarmente intelligenti e sensibili, sarà per quel che volete voi, ma suggerisco a chi si riferisce alle giovani generazioni dicendo “gioventù bruciata”, di zittirsi e fare una riflessione su che cosa ha prodotto la loro, di generazione.
Gli studenti del Liceo “Renato Cacioppoli” di Scafati non sono assolutamente “bruciati”, anzi, ardono di vita sana e senso della realtà; questo e molto altro ho potuto constatare quando io, Beppe Costa e Liliana Arena li abbiamo incontrati, sabato 13 aprile 2013.

Aula Magna Liceo Cacioppoli
Grazie alla Prof. sa Marcella Testa, che ha avuto un ruolo da “pusher poetico” andando a proporre i nostri libri alle classi, abbiamo avuto la fortuna di entrare nell’animo di questi ragazzi, hanno potuto leggerci, conoscerci e giudicarci.
Tutto il resto lo hanno fatto loro, hanno letto le nostre poesie, cosa che quasi nessuno molto più deputato ormai fa più, le hanno fatte loro rielaborandole e facendone teatro, danza, musica, critica.
In poche parole noi “poeti” abbiamo assistito ad uno spettacolo dove le provocazioni, le gioie e i dolori che abbiamo lasciato scritte nei libri, sono state accolte al meglio e trasformate in arte.
Quegli studenti hanno fatto quello che dovrebbe essere il mestiere di ogni artista.

Molto spesso noi “scribacchini” ci scontriamo con chi porta avanti l’idea che la poesia debba essere necessariamente metrica e rima, come se quel capitolo storico non fosse già stato scritto con la bellezza che tutti possiamo riscontrare; il primo sketch dei ragazzi è stato proprio in questo senso: hanno rappresentato una scena del film L’attimo fuggente, quella in cui il professore fa strappare i fogli dei libri di testo e, in questo caso, sono stati strappati perché in quei libri si parlava di sbarre poetiche, istruzioni sul come si fa poesia, tecnicismi, metrica, e altri fattori che sviliscono e uccidono il senso stesso della poesia.
“Cominciamo bene” pensai. E ancora non immaginavo come sarebbe andata a finire.

Alcuni ragazzi con Beppe Costa
Una classe si è addirittura tramutata in critico letterario, e ha scritto una serie di pensieri basandosi su una poesia di Beppe Costa: questa critica donava alla poesia un’altra chiave di interpretazione, regalando un significato doppio, scoprendo sfumature nuove ad ogni verso, proprio come accade per la musica o per i dipinti. Suggerirei a tutti i poeti di farsi scrivere una prefazione da quei ragazzi, lasciando perdere simboli mummificati che ancora parlano e seminano follia.

Altre poesie sono state tradotte in inglese, francese, spagnolo, non poteva mancare il napoletano, e lette con un sottofondo musicale suonato dal vivo (dagli stessi studenti) con violoncello, chitarra e flauto traverso.

Una mia poesia è stata mimata: mentre una ragazza leggeva il testo, un’altra al suo fianco vestita di nero, con una maschera bianca, mimava ogni parola... non so se riesco a riportare qui la qualità dell’emozione mentre questi ragazzi si sono, molto fortunatamente, presi la libertà di fare tutto questo: è stata una fortuna incontrarli, confesso che probabilmente ho guadagnato più di loro. Altre due ragazze hanno interpretato un’altra mia poesia costruendo una coreografia, ballando mentre la leggevano, senza risparmiarsi passi di danza impegnativi, senza avere vergogna di esibirsi di fronte ad altre classi.

Questi studenti sono stati dei traduttori viventi: hanno tradotto la poesia in tutto il resto.

Firma delle copie
Chi ha insegnato a questi ragazzi che l’arte va interpretata e letta? Chi ha detto a questi ragazzi che anche loro possono fare arte e, anzi, è loro dovere? Come sono venute queste idee di “rappresentazione poetica”?
Ma soprattutto, che c’azzeccano questi studenti con la “gioventù bruciata”?
Le persone bruciate non stanno nei licei, si possono trovare fuori, dentro gli uffici delle province, dei comuni, dentro quei palazzi romani definiti barocchi (qua serve una lezione di storia dell’arte) da un esponente del M5S, il cervello bruciato sta nella puzza di naftalina delle persone che ci governano, non solo politicamente, nei ladri che sanno sempre cose che non dovrebbero, gli opportunisti e la loro ingordigia marcia, tutto questo e molto altro è la “generazione bruciata”... e non siamo di certo noi.

Ho provato a spiegare che “il centro”, cioè la capacità di trovare il bene, distinguerlo dal male e metterlo come priorità di vita, non va assolutamente mescolato con il centro di tutti questi bruciati che popolano i nostri giorni. Il nostro “centro” va preservato e riconosciuto anche negli altri, saper distinguere il bene dal male è quello che fa la differenza fra persone umane e pezzi di materia in decomposizione.

Gli studenti

Si poteva facilmente immaginare che la scuola fosse nelle mani degli insegnanti, che ovviamente hanno una loro vita privata e quindi, molto più che legittimamente, potrebbero dedicarsi al loro lavoro con un certo tipo di distacco, come avviene in tutti gli altri impieghi, pur considerando un fattore di coinvolgimento emotivo... tutto potevo pensare, tranne immaginare che la scuola fosse quasi totalmente nelle mani degli insegnanti, basta vedere quanto impegno e volontà investono (Marcella Testa e le colleghe lo hanno dimostrato) nel realizzare un progetto di questo tipo.

Chapeau.

SB

lunedì 8 aprile 2013

Liliana Arena: più a "nord" della luna

L'autrice de "La luna oltre la grata" ospite a:

Liliana Arena


POESIA A MICROFONO LIBERO
- letture estemporanee di poesia -

venerdì 26 aprile 2013, alle ore 21.00
presso il RAT MORT
in via Cairoli, a MANTOVA

CONTRASTO LETTERARIO N. 11
appuntamento con gli incontri di poesia organizzati dal Movimento del Sottosuolo

sabato 27 aprile 2013, alle ore 21.00
presso il CAFFE' GALETER
in via G. Guerzoni, Borgosotto di Montichiari (BS)
con Alessandro Assiri






A Horacio 
figlio di desaparecidos

Padre!
Aguzzino di mio padre!
Atroce verità
questo risveglio
lacera l’essere
delle mie false radici.
Madre!
Aguzzina di mia madre!
Mi hai nutrito
con latte di menzogna!
Chi sono?
Figlio di quale credo?
Buio brutale...
Buio infernale...
Ventisette anni

depredati alla mia identità.
Lacrime di gioia
aver toccato ossa
di vero padre
di vera madre
come mia storia
come mia memoria.


Il giardino di Saint-Rèmy

Gocce di luna stillavano attraverso la pergola 
sulle foglie del giardino di Saint-Rèmy
dove sparsi fiorivano gli iris.
Tra quei petali il pistillo guardava la vita 
con gli occhi degli angeli
dietro le sbarre di una finestra.


Ancora, spero

Armati solo delle nude mani
cammineremo sulla terra rossa.
I nostri piedi ascolteranno il pianto
caduto sull’argilla prosciugata.
E noi povera polvere di stelle
dagli occhi verseremo le parole
e muti parleremo a quei titani
che assediano la raminga storia
di un popolo di sabbia nel respiro
da prima della manna per piantare grano.
E tu che hai dato scettro ai faraoni
fatti da parte o fatti portavoce
dei nostri silenziosi passi
per innalzare ancora inni di pace.



«Qui la poesia si fa viva, cruda, e pretende sangue: una battaglia contro ciò che da noi è diverso, esterno o, addirittura straniero. Ma qui si corre il rischio di confondere, e confonderci noi stessi, con le parole: infatti siamo tutti esuli e profughi [...] senza ambiguità, senza costruzioni estreme a nascondere il senso di ciò che narra, Arena sembra condurci ad una possibile uscita verso un luogo più limpido: quello dell’anima, laddove è possibile.»
Dalla prefazione di Beppe Costa a “La luna oltre la grata”




Liliana Arena è nata a Castellammare di Stabia nel1966. Ha pubblicato le raccolte poetiche L'oceano del mio Io (Aletti Ed. - Marzo 2008), La luna oltre la grata (Aletti Ed. - Ottobre 2010), La vite, la vita, contenuta nel volume antologico MATERIA PRIMA (Giulio Perrone Ed. - Giugno 2012) ed è presente in varie Antologie.
Diversi i riconoscimenti e Premi Letterari  Nazionali e Internazionali per la poesia.
Ha partecipato al "Teranova Tour Poetry", che si svolge all'interno del Festival Internazionale franco-italiano Teranova Festival, e alla V ed. di "Ottobre in Poesia"- Città di Sassari, ospite assieme ai poeti Beppe Costa, Jack Hirshman, Paul Polanski, Giovanna Mulas e altri. Ha curato inoltre l’organizzazione per la Città di Castellammare di Stabia della VI Ed. di “Palabra en el mundo” e ha collaborato a un progetto del compositore Lorenzo Pescini "Sulla strada di Venere".


contatto facebook:










sabato 6 aprile 2013

VI Edizione Premio Letterario Internazionale Città di Sassari - bando 2013



POESIA “L’Isola Dei Versi”

NARRATIVA “Fabula Mundi”

Parte integrante del Festival “OTTOBREinPOESIA”


Patrocinio e Supporto: Comune di Sassari – Assessorato alle Culture


Con il patrocinio speciale di:


Commissione Nazionale UNESCO - Presidenza della Repubblica - Ministero per i Beni Culturali
Regione Sardegna - Provincia di Sassari
Comune di Tissi – Comune di Nuoro – Comune di Carbonia
Università degli Studi di Sassari -
Dipartimento di Scienze Umanistiche e Sociali.


SCADENZA: 10 maggio 2013


SEZIONE A – POESIA EDITA
Ogni autore può partecipare con un solo libro di poesia o prosimetro, pubblicato tra gennaio 2007 e aprile 2013, in una delle seguenti lingue: Italiano, Sardo (redatto in sassarese, gallurese, logudorese, campidanese, nuorese), Inglese, Spagnolo.
In caso di poesia in lingua straniera o sarda, è gradita la traduzione in italiano. Si può concorrere anche con opere che hanno partecipato alle precedenti edizioni del presente concorso, purché non vincitrici di alcun premio o riconoscimento.

SPEDIZIONE - COPIE
A mezzo raccomandata A/R 4 copie del libro e, in busta chiusa, i dati anagrafici completi di: indirizzo, numero di telefono e/o cellulare, e-mail, curriculum artistico dell’autore.

PREMI
1° classificato € 500,00 e attestato di merito
2° classificato € 300,00 e attestato di merito

SEZIONE B - POESIA INEDITA (tema libero)
“Premio BEPPE COSTA”
Ogni poeta può partecipare inviando da una a tre poesie in una delle seguenti lingue: Italiano, Sardo (redatto in sassarese, gallurese, logudorese, campidanese, nuorese), Inglese, Spagnolo, Francese, Arabo, Russo, Tedesco. Si può inviare anche la traduzione in italiano. Sarà premiata una sola poesia delle eventuali 3 inviate.
Non sono ammessi testi che alla scadenza del presente bando:
1. siano già stati premiati ai primi 3 posti in altri concorsi;
2. siano stati pubblicati o recensiti anche solo su internet, su blog letterari o siti del settore.

SPEDIZIONE – COPIE – A scelta:
- A mezzo posta in busta chiusa 7 copie per ogni poesia: 6 anonime e 1 copia corredata dei dati anagrafici completi di indirizzo, numero di telefono e/o cellulare, e-mail. Inviare comunque le opere partecipanti anche via mail a segreteria@ottobreinpoesia.it.
- Via e-mail allegando un file con i dati dell’autore e il titolo delle opere partecipanti. In questo caso la quota potrà essere versata solo attraverso bonifico bancario.
PREMI
1° classificato € 400,00 e pergamena
2° classificato € 300,00 e pergamena
3° classificato € 200,00 e pergamena
4°, 5°, 6° classificati Menzione D’onore
7°, 8°, 9°, 10° classificati Segnalazione

SEZIONE C - NARRATIVA
Ogni autore può partecipare con 1 solo racconto, originale e inedito, senza limiti di genere, di non più di 30.000 battute, in lingua italiana, inglese e spagnola, scritto da uno o più autori, i cui diritti siano di piena ed esclusiva titolarità del/degli autore/i all’atto dell’invio al Concorso.
In caso di racconto in lingua straniera o sarda, è gradita la traduzione in italiano. L’organizzazione declina ogni responsabilità nei confronti di terzi, anche con riferimento ad eventuali ipotesi di plagio di altre opere.

SPEDIZIONE - COPIE
6 copie anonime, con le pagine numerate e dattiloscritte, in busta chiusa (posta prioritaria, raccomandata o corriere) e anche su FLOPPY, CD, PEN DRIVE e via e-mail a  segreteria@ottobreinpoesia.it.
In una busta sigillata inserita nel plico, il presente bando firmato per accettazione, una breve sinossi (massimo 10 righe) ed il curriculum vitae dell’autore/i riportante il titolo dell’opera. Non saranno tenute in considerazione le opere sprovviste degli allegati sopra indicati.

PREMI
1° classificato : € 450,00 e pergamena
2° classificato : € 300,00 e pergamena
3° classificato : € 150,00 e pergamena

GENERALI
QUOTA DI PARTECIPAZIONE:
Italia: € 20,00 per ciascuna sezione a cui si partecipa.
Dentro e fuori dalla Comunità Europea: € 30,00 per ciascuna sezione a cui si partecipa.

INDIRIZZO SPEDIZIONE:
Leonardo Omar Onida , Premio Letterario Internazionale Città di Sassari
Via E.Berlinguer, 3/a
07040 (Tissi)
OPPURE

Via Einaudi, 14
07100 (Sassari).
Allegare attestazione del pagamento agli elaborati.
Specificare per iscritto come si è venuti a conoscenza del Premio Città di Sassari (internet, blog, cartaceo, locandine, passaparola, siti istituzionali, etc.)

MODALITA’ PAGAMENTO:
1) Preferibilmente con versamento sul Conto Corrente Bancario 1000/13884 – ABI:03359 – CAB:
01600 (IBAN: IT89I0335901600100000013884) intestato a Progetto OTTOBREinPOESIA
Indicare la causale del versamento: Premio Letterario Internazionale Città di Sassari e specificare a quale/i sezione/i si partecipa.
2) Assegno o vaglia intestato a Progetto OTTOBREinPOESIA.
3) In contanti con raccomandata A/R (per evitare problemi con le poste).

ISCRIZIONI DALL'ESTERO
1) Coordinate Bancarie Europee: IBAN: IT89I0335901600100000013884 - BIC: bcititmx500 - NAME BANK: Banca Prossima - Address Bank: Via Manzoni ang. Via Verdi – MILANO
2) Contanti in euro.

GIURIA DEL PREMIO
La Giuria, il cui giudizio è insindacabile e inappellabile, è composta da:
Giuseppe Serpillo (Ex Docente di Letteratura Inglese all'Università di Sassari, esperto di poesia irlandese e inglese, moderna e contemporanea), Luigia Polo (Docente di Letteratura Inglese), Hernán Loyola (Ex Docente di Letteratura Ispano Americana, Università di Sassari/Universidad de Santiago de Chile, maggior curatore dell'opera di Pablo Neruda nel mondo), Antonio Fiori (Poeta e scrittore), Gianfranco Chironi (Presidente dell’associazione culturale Verba Manent - Sassari), Antonio Strinna (Poeta e scrittore), Aldo Maria Morace (Docente di Letteratura Italiana ed Ex Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia/Università di Sassari), Loredana Salis (Docente di Letteratura Inglese/Università di Sassari), Rita Bonomo (Scrittrice e blogger), Elisabetta Pinna (Docente di Filosofia).
Coordinamento: Leonardo Omar Onida

PREMIO SPECIALE GIURIA SCUOLE
Una giuria, composta dagli studenti di alcune scuole medie superiori della città, assegnerà uno o più premi tra le opere dei finalisti selezionati dalla Giuria del Premio per ciascuna Sezione.

PREMIO SPECIALE SPONSOR
Alcuni Sponsor del Festival OTTOBREinPOESIA metteranno a disposizione un contributo che verrà tramutato in un buono vacanza per due persone, per un fine settimana in Sardegna (da venerdì a domenica), in due località a scelta (che saranno rese note sul sito ufficiale) nel mese di maggio o in quello di settembre 2014.

PREMIAZIONE
La Cerimonia di Premiazione avrà luogo a Sassari nell’ottobre 2013, in data e luogo da stabilirsi, in occasione della VII edizione del Festival “OTTOBREinPOESIA”.
È d’obbligo la presenza dell’autore alla Cerimonia di Premiazione per i premi in denaro.
In caso contrario l’intero importo potrà essere incamerato dall’organizzazione come contributo all’edizione successiva.
I vincitori saranno interamente ospiti dell’organizzazione (vitto e alloggio) per la giornata della premiazione che si svolgerà durante il Festival.

PER L’ INEDITO E LA NARRATIVA: Proposta Editoriale esclusiva
I primi tre vincitori potranno liberamente scegliere, con il loro premio in denaro, se contribuire alla pubblicazione di un libro, con prefazione della Giuria, distribuito dal POP in ambito nazionale ed internazionale. L’opera verrà realizzata se almeno 2 dei 3 vincitori di ciascuna sezione sceglieranno questa opzione. I diritti rimarranno interamente degli autori e il POP contribuirà con sue risorse alla realizzazione della pubblicazione. Lo scopo di questa iniziativa è quello di favorire la promozione di eventuali autori emergenti.

PER L’EDITO
I volumi entreranno a far parte dell’archivio del Progetto OTTOBREinPOESIA e saranno divulgati con ampia visibilità durante il Festival Internazionale di ottobre.

INIZIATIVE DELL’ORGANIZZAZIONE
- Possibile realizzazione di un’Antologia del premio letterario, curata dalla Giuria, comprendente tutte le opere vincitrici e una selezione delle migliori partecipanti.
L’Antologia sarà presentata durante il Festival Internazionale, diffusa in ambito internazionale e sarà presente nelle biblioteche di molte Università europee.
- Divulgazione delle novità editoriali all’interno dei propri siti internet, in blog letterari e presso le Facoltà di Lettere e Filosofia delle Università di Sassari e Cagliari.
Di ogni opera vincitrice o segnalata potrebbe essere realizzata una “Scheda Artistica” che sarà presentata durante il Festival attraverso reading, incontri, performance artistiche e teatrali.

DIRITTI D'AUTORE
Gli autori, per il fatto stesso di partecipare al concorso, cedono il diritto di pubblicare i loro testi (in caso di vincita o piazzamento) su eventuale Antologia del premio, sul sito internet www.ottobreinpoesia.it o riviste senza nulla pretendere come diritto d'autore.
I diritti rimangono comunque di proprietà dei singoli Autori

RISULTATI E INFO ON LINE IN TEMPO REALE
I risultati e le notizie verranno progressivamente pubblicati sul sito Web: www.ottobreinpoesia.it
Tutti i vincitori e i menzionati riceveranno comunicazione diretta.

INFORMATIVA
Ai sensi dell' art. 13 e 23 del D.Lg. n. 196/2003, i dati anagrafici, personali ed identificativi saranno inseriti e registrati nell'archivio dell'Associazione ed utilizzati esclusivamente ai fini inerenti il concorso cui in epigrafe, compresa l’eventuale pubblicazione nell’antologia del Premio.
Tali dati non verranno comunicati o diffusi a terzi. La partecipazione al Concorso implica l’accettazione integrale del presente regolamento.
L’organizzazione del festival si riserva il diritto di prendere decisioni riguardanti questioni non specificate in questo regolamento e può decidere di cancellare, posticipare, ridurre o interrompere il decorso del premio o del festival senza per questo essere oggetto di reclamo o denuncia.
Per ogni eventuale controversia è competente il Foro di Sassari.